Economia

La guerra in Ucraina colpisce l’economia ecuadoriana. Intervista al Ministro della Produzione

La scorsa settimana, in un’intervista al quotidiano ecuadoriano online Primicias, il Ministro della Produzione ha commentato le misure che il governo sta valutando di intraprendere per ridurre l’impatto delle perdite dovute all’invasione russa dell’Ucraina. Infatti, tanto il settore produttivo quanto il governo dell’Ecuador, risultano altamente preoccupati per gli effetti dell’invasione dell’Ucraina.

“A causa del conflitto, l’Ecuador rischia di perdere 1.1 miliardi di dollari“, ha affermato il ministro Julio José Prado. Il 70% di tale valore corrisponde alle esportazioni di banane, mentre il resto riguarda l’esportazione di gamberetti, fiori, prodotti marittimi e cacao.

Il ministro ha inoltre aggiunto che il settore produttivo e di esportazione sta già risentendo di quattro conseguenze del conflitto armato, che si aggraveranno se la guerra si estenderà nel tempo.

Nell’intervista, che abbiamo tradotto in italiano per il pubblico di Ecuador Oggi, il ministro ha inoltre aggiunto che si stanno cercando nuove destinazioni per i prodotti ecuadoriani e possibili misure di sostegno per ridurre le perdite per il Paese.

Ecco l’intervista integrale tradotta in italiano. Se si desidera leggere l’originale in spagnolo, cliccate qua.

Immagini dalla guerra in Ucraina © Vocal Europe

Quali sono le ripercussioni economiche dell’Ecuador dopo l’invasione russa dell’Ucraina?

Gli effetti sono quattro: diversione delle esportazioni, problemi nella catena dei pagamenti, aumento dei prezzi delle esportazioni ecuadoriane per la svalutazione del rublo (moneta russa, ndr) e disagi nell’approvvigionamento degli input.

Chi sta deviando le esportazioni ecuadoriane?

Le esportazioni non possono raggiungere la Russia perché i porti sono chiusi e perché le grandi compagnie di navigazione, come Maersk e MSC, hanno sospeso il trasporto di container verso quel Paese. Pertanto, l’Ecuador non può esportare i propri prodotti nella zona eurasiatica. Questo effetto si sta facendo sentire soprattutto per gli esportatori di banane e gamberetti.

Ci sono problemi di pagamento per gli esportatori ecuadoriani a causa delle sanzioni occidentali contro la Russia?

Il settore dei fiori, che ha inviato container, soprattutto per la festa della donna, lo sta sentendo particolarmente. Più di 30 milioni di dollari in fiori sono stati esportati in Russia, ma il denaro non è stato ancora recuperato.

Quali sono gli altri due impatti?

Il terzo problema che l’Ecuador dovrà affrontare, sebbene non sia ancora visibile, è un calo dei prezzi dei suoi prodotti di esportazione. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che, come l’Ecuador, più paesi che esportano in Russia dirotteranno le loro spedizioni verso altri mercati. E, se c’è un eccesso di offerta, i prezzi diminuiranno. E il quarto impatto sarà la carenza di prodotti importati dalla Russia.

Il settore delle imprese e il governo hanno parlato di misure per alleviare le conseguenze della guerra. Quali sono?

Chiediamo all’Ecuadorian Business Committee di raccogliere informazioni dalle aziende più esposte al mercato russo e da quelle che hanno la capacità di reindirizzare i loro prodotti. Speriamo di avere queste informazioni entro il 6 marzo. Allo stesso tempo, il governo sta analizzando le misure per alleviare la perdita del mercato eurasiatico. Ad esempio, valutiamo una riduzione delle tariffe o la Foreign Currency Outflow Tax (ISD). Avvertiamo il settore produttivo che è necessario prepararsi ad affrontare impatti sostanziosi a causa del cambiamento dell’attività commerciale della Russia con il resto del mondo nel medio e lungo termine. Non recupereremo rapidamente il mercato russo a causa delle sanzioni economiche imposte dagli Stati Uniti, dall’Unione Europea e dalla NATO.

Il settore delle banane ritiene che una misura che possa aiutare è il drawback, che consente il rimborso delle tasse sul commercio estero nell’acquisto di fattori produttivi. Questa pratica non è però stata ancora regolamentata. Perché non è stata ammessa e quando lo sarà?

L’attuazione del sistema di drawback comporterebbe un costo di 350 milioni di dollari per lo Stato e questo spazio fiscale non esiste. Cercheremo una parziale compensazione del drawback, ovvero per i settori più colpiti dalla perdita del mercato russo. Analizziamo anche la riduzione dell’ISD per le compagnie di navigazione cargo. Siamo stati molto chiari con il settore dell’esportazione e della produzione. Questo è un conflitto che non può essere pienamente assunto dallo Stato ecuadoriano. Ci sono perdite che dovranno essere sostenute dal settore privato. Gli effetti di questa crisi possono essere ridotti con la ricerca di nuovi mercati.

La rosa ecuadoriana è un prodotto d’eccellenza esportato in Russia © Flickr

Quando annuncerete misure concrete?

Dopo aver ottenuto l’elenco del Comitato Economico Ecuadoriano, comunicheremo le misure al presidente Guillermo Lasso e saranno analizzate, insieme ad altri ministri, come quello delle finanze e dell’agricoltura. Occorre valutare il sacrificio fiscale che ogni misura comporta e la compensazione per i settori produttivi.

E cosa avete pianificato di fare nel lungo termine?

L’unica vera alternativa è cercare nuovi mercati. L’Ecuador sta valutando la possibilità di inserire parte dei prodotti che ha inviato in Russia nell’Unione Europea. Per banane e gamberetti, questa soluzione è più fattibile.

Per quale settore sarà più difficile la ricerca di nuovi mercati?

Per il settore dei fiori, perché la rosa ecuadoriana che viene inviata in Russia ha caratteristiche specifiche che soddisfano la domanda specifica di quel Paese. Per commercializzare questo tipo di fiore, che ha steli molto lunghi e colori specifici, in altri mercati, gli esportatori dovranno ridurre i prezzi.

Nella ricerca di nuovi mercati ci sarà l’assistenza del governo?

È un lavoro congiunto. Le aziende sono già alla ricerca di mercati e i nostri uffici commerciali in tutto il mondo sono alla ricerca di alternative per supportare prodotti che non possono entrare in Russia.


Per rimanere sempre informato sull’Ecuador, seguici anche su FacebookTwitterInstagram, e Youtube!

© Riproduzione riservata

Foto di Copertina: Produccion.gob.ec

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...