Attualità

In Ecuador le famiglie vivono meglio grazie ai migranti ecuadoriani (anche dall’Italia)

Secondo l’Alleanza Mondiale per la Conoscenza sulla Migrazione e lo Sviluppo, l’Ecuador si classifica tra i primi dieci paesi dell’America Latina a ricevere il maggior numero di rimesse dai migranti residenti all’estero.

Il flusso di rimesse arrivate in Ecuador nel terzo trimestre del 2021 è stato di 1.144 milioni di dollari, secondo la Banca centrale dell’Ecuador. Ciò significa una crescita del 20% rispetto al terzo trimestre del 2020, quando le rimesse avevano raggiunto i 953 milioni di dollari.

Il miglioramento delle rimesse è dovuto principalmente alla ripresa economica vissuta dalle economie mondiali, in particolare quelle dove risiedono gli emigranti ecuadoriani.

L’aumento del flusso di rimesse nel terzo trimestre del 2021 sarebbe da attribuire ai benefici del programma di sostegno alla pandemia che il governo degli Stati Uniti ha concesso fino a settembre e alla relativa crescita di tale economia”, sostiene la Banca Centrale. Non a caso, il PIL degli Stati Uniti è aumentato a un tasso su base annua del 2,3% nel terzo trimestre del 2021, secondo il Bureau of Economic Analysis (BEA).

Inoltre, le rimesse dagli Stati Uniti sono aumentate perché i costi dei trasferimenti da quel paese verso l’Ecuador sono tra i più economici dell’America Latina. Questo dato è supportato da uno studio della World Alliance for Knowledge on Migration and Development, un’iniziativa della Banca mondiale.

Spagna e Italia

Secondo la Banca Centrale, l’aumento delle rimesse è dovuto anche “alla ripresa delle economie di Spagna e Italia, dove risiedono gran parte gli emigrati ecuadoriani”.

L’economia spagnola è cresciuta del 2,6% tra il terzo trimestre del 2020 e lo stesso trimestre del 2021. Il buon andamento del PIL spagnolo risponde alla graduale ripresa del turismo e alla creazione di posti di lavoro.

Immigrati ecuadoriani in Spagna © Notimundo

L’Italia ha registrato nello stesso periodo una ripresa della sua economia del 3,9%. L’aumento è dovuto al miglioramento del livello economico dei settori dell’industria e dei servizi.

Il maggiore dinamismo delle economie di Stati Uniti, Spagna e Italia ha fatto registrare nel terzo trimestre del 2021 il flusso delle rimesse a un record nelle serie statistiche stilate dal 1993.

Motore a consumo

Un maggiore arrivo di rimesse in Ecuador, insieme a un maggiore accesso al credito, ha portato a un aumento dei consumi delle famiglie, secondo i Conti Nazionali Trimestrali della Banca Centrale.

Grazie alle rimesse dei migranti ecuadoriani, la spesa delle famiglie ecuadoriane nel paese ha già raggiunto livelli pre-pandemia. Pertanto, nel terzo trimestre del 2021, i consumi delle famiglie hanno totalizzato 11.160 milioni di dollari, lo 0,2% in più rispetto allo stesso periodo del 2019, quando aveva raggiunto 11.180 milioni di dollari.

I consumi delle famiglie, che rappresentano oltre il 60% del PIL ecuadoriano, hanno registrato una ripresa non indifferente tra gennaio e settembre 2021. Questa ripresa ha portato ad un aumento delle vendite nei settori economici, che erano crollate all’inizio della pandemia.

Secondo le Nazioni Unite (ONU), il 75% delle rimesse viene utilizzato per soddisfare i bisogni primari, come l’alloggio, il cibo o l’accesso alle cure mediche.


Per rimanere sempre informato sull’Ecuador, seguici anche su FacebookTwitterInstagram, e Youtube!

© Riproduzione riservata

Foto di Copertina: Primicias

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...